Niki Leonetti si racconta nella biografia “Si può fare”

Data: 01/08/23

Rivista: agosto 2023

Categoria:Disabilità e sensibilizzazione

L’opera, ironica e scanzonata, ma al tempo stesso profonda, ci invita a riflettere sul diritto all’ordinarietà delle persone con disabilità 

 

Si può fare. A piccoli passi. Che cosa? Far sì che anche le persone con disabilità vivano una vita ordinaria, in cui il pietismo e le narrazioni eroiche cedano il passo a un percorso di inclusione quotidiano e duraturo. A sostenerlo è Niki Leonetti di Cavaion Veronese. Perito agrario, classe 1992, Leonetti gestisce il chiosco di un campeggio e vanta una lunga esperienza di servizio nei confronti dei giovani, essendo impegnato negli Scout, nella dirigenza della locale squadra di basket e anche come consigliere comunale del paese. Secondo lui, nella vita, le sfide si vincono «ammettendo i propri limiti, non vergognandosene, chiedendo aiuto e con il contributo di chi crede in noi». Ovvero, in tre parole chiave, essendo: «umani, fraterni, comunità». Lo ha anche ribadito in un libro intitolato proprio «Si può fare», scritto a quattro mani col ghost writer Lorenzo Bissolotti e uscito in primavera. L’opera, autobiografica, racconta con un’ironia travolgente i suoi primi trent’anni di vita. Un’infanzia fatta di capitomboli in bicicletta, uscite col nonno, giochi all’aria aperta e poi la ricerca dell’indipendenza durante l’adolescenza, i primi campeggi con gli amici, le cene coi compagni di squadra post-partita. Insomma, una storia di crescita nella provincia italiana in cui è impossibile non riconoscersi. Il tema della disabilità è trattato solo di striscio, ma con grande profondità. Niki e la sorella gemella Selene sono nati prematuri e, a causa di una ipossia celebrale al momento del parto, a lui è stata diagnosticata una tetraparesi spastica infantile. Ciò ha comportato una difficoltà nel linguaggio e nel compiere alcuni movimenti: ma la famiglia di Niki e in particolare la mamma Dolores si è subito attivata con l’obiettivo di evitare la dinamica del poverino. Fin dalla più tenera età, ha portato il figlio a fare fisioterapia, logopedia, ma anche, seppur con qualche apprensione, al parco giochi dove avrebbe potuto stare con gli altri bambini e trovare, a pari loro, la sua strada nel mondo. A sposare questo approccio anche il marito e tutto il resto della famiglia. Certo, le spese da sostenere erano molte e non sempre la burocrazia si rivelava amica né tutti gli insegnanti avevano la stessa sensibilità, ma il percorso tracciato dai Leonetti per dare a Niki le stesse opportunità di indipendenza e realizzazione dei fratelli Selene e Yari e degli altri coetanei traspare in ogni pagina del libro. L’opera non nasconde né edulcora le difficoltà – per esempio la trafila di visite lunga due anni per ottenere la possibilità di sostenere l’esame della patente o la paura di non riuscire a sostenere i costi di un’auto con ausili speciali – ma le presenta in chiave positiva e propositiva, condendole con episodi ricchi di sano umorismo e con una simpatia travolgente che invoglia a proseguire per conoscere meglio il giovane autore, diventato, nel tempo, anche un apprezzato conferenziere. Niki, infatti, da ormai sette anni gira le associazioni, le biblioteche e gli istituti d’istruzione del Veneto, creando quello spazio di dialogo sull’inclusione che spesso nei programmi scolastici non trova posto e che invece è fondamentale per costruire una società più accogliente e rispettosa, non solo per chi è portatore di una diversità, bensì per tutti coloro che la compongono a prescindere dalla loro condizione. E proprio vedendo la bella atmosfera e dinamica che si crea con i ragazzi, lo scrittore sta pensando di iscriversi all’Università per affinare le competenze in questo campo e trasformarle in una vera e propria professione. Nel frattempo, noi speriamo che continui a mettere su carta la sua quotidianità, con l’augurio che diventi ogni giorno più ordinaria, ma che lui non smetta mai di raccontarla a noi lettori e ascoltatori con la sua maestria scanzonata e straordinaria! 

precedente

successivo